La vita universitaria dopo il coronavirus: 4 cose che non saranno più le stesse

Tempo di lettura: 6 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 28 lug 2023

Students walking in front of their college

Mentre intere industrie ed economie lottano per venire a capo dell'impatto a lungo termine della pandemia di coronavirus, le ripercussioni sul sistema educativo sono forse passate sotto silenzio.

La stragrande maggioranza degli studenti si è vista sottrarre una grossa fetta dei propri anni accademici. La maggior parte ha dovuto improvvisamente adattarsi alla vita da e-learner, mentre un'alta percentuale di studenti di tutte le età ha perso riti di passaggio essenziali come il diploma di scuola superiore o l'università.

Le implicazioni potrebbero essere significative, con gli esperti che sostengono che questo improvviso sconvolgimento potrebbe vedere gli studenti soffrire di alti livelli di stress o addirittura di una forma di PTSD come risultato della pandemia globale. È improbabile che l'agitazione sia limitata agli studenti. Una delle ramificazioni a lungo termine dell'epidemia potrebbe alterare non solo il modo di insegnare nelle università, ma l'intera esperienza dell'istruzione superiore.

Diamo un'occhiata ad alcuni dei principali modi in cui la vita universitaria post-corona potrebbe essere cambiata per sempre.

1: Cambiare il modello di apprendimento

Forse l'impatto più evidente sarà l'avversione degli studenti a stare ammassati per ore in aule gremite. Anche per gli istituti sarà difficile garantire i massimi livelli di igiene in queste circostanze, poiché le aule, una volta pulite quotidianamente, richiederanno una sterilizzazione di livello ospedaliero tra una lezione e l'altra.

Basta guardare al successo dei TED Talks per capire che le lezioni virtuali possono essere altrettanto coinvolgenti. Già nel 2006, Davis Guggenheim ha trasformato quella che era essenzialmente una lezione universitaria di Al Gore nel documentario vincitore di un Oscar, Una scomoda verità.

Tuttavia, per essere non solo educativi ma anche coinvolgenti e in grado di mantenere l'attenzione degli studenti, i docenti dovranno concentrarsi non solo sul contenuto delle lezioni, ma anche sulla produzione. Ciò potrebbe significare l'introduzione di più risorse multimediali nelle loro lezioni o l'utilizzo di strumenti didattici online come domande e risposte in tempo reale o sondaggi.

Potremmo persino vedere i docenti unire le forze con i team di produzione per aggiungere angolazioni multiple e grafica alle loro lezioni. Il costo aggiuntivo sarà compensato dalla possibilità di registrare le sessioni e di utilizzarle per vari semestri e persino anni.

Per gli insegnanti, questo ha molti vantaggi. Hanno più tempo per concentrarsi su gruppi più piccoli o su singoli individui, piuttosto che tenere le stesse lezioni. Le loro di alta qualità possono potenzialmente raggiungere un pubblico più vasto, inoltre non hanno più bisogno di essere presenti nel campus giorno per giorno. Ciò potrebbe consentire a un famoso professore londinese di diventare docente ospite a New York, per esempio. Allo stesso tempo, la maggiore flessibilità renderà l'istruzione un percorso di carriera più interessante per i migliori talenti.

E' fondamentale che anche gli studenti traggano vantaggio da questo accordo. Le ricerche suggeriscono che l'e-learning richiede circa il 50% di ore di studio in meno rispetto all'apprendimento tradizionale in presenza, offrendo al contempo tassi di ritenzione migliori del 25-60%.

2: Un nuovo approccio agli orari di ricevimento

La maggior parte dei docenti offre una qualche forma di orario di ricevimento in cui gli studenti possono prenotare un incontro individuale o semplicemente fare un salto per discutere di qualsiasi problema. I professori apprezzano molto questi orari di ricevimento, perché sono un'occasione per entrare in contatto con i loro studenti e per ampliare la loro conoscenza della materia che insegnano.

Sebbene siano aperti a tutti gli studenti, la maggior parte dei professori tende a vedere la stessa manciata di studenti impegnati che utilizzano questi orari di ricevimento ripetutamente. Inoltre, l'affluenza nel loro ufficio aumenta in modo significativo solo nella settimana che precede gli esami o la consegna di un documento importante.

La realtà è che la maggior parte degli studenti ha l'impressione che i professori non siano molto disponibili e accessibili, oppure che si impongano per questioni che non meritano il loro tempo.

Le tecnologie introdotte o sempre più adottate dopo la pandemia di COVID-19 possono contribuire a ridurre queste barriere. La possibilità di prenotare un incontro online e di condurlo tramite un software di videoconferenza come Zoom è meno stressante e aiuta un maggior numero di studenti ad approfittare del tempo e delle competenze dei loro professori.

In alternativa, i professori possono adottare un atteggiamento meno formale nei confronti dell'orario di ricevimento e incoraggiare gli studenti a unirsi a loro per una passeggiata sociale all'ora di pranzo o per comunicare tramite messaggistica o app di comunicazione. L'utilizzo di formati con i quali gli studenti si sentono più a loro agio e hanno maggiore familiarità incoraggerà un maggiore dialogo tra professori e studenti.

3: Che ne sarà delle sessioni di gruppo di studio?

Costruire relazioni con gli altri è il cuore dell'esperienza universitaria. Le piccole sessioni di studio, sia che si tratti di workshop guidati dai professori che di gruppi di studio privati, potrebbero rappresentare una delle maggiori sfide alla "nuova normalità universitaria". La differenza più significativa tra l'apprendimento online e lo studio di persona è la cultura collegiale e lo stimolo intellettuale che deriva dal far parte di un gruppo.

Durante la pandemia, la tecnologia ha contribuito a colmare alcune di queste lacune. Molti strumenti per le riunioni virtuali hanno introdotto funzioni aggiuntive, come lavagne, sondaggi e stanze laterali, che forniscono esperienze più avvincenti e interdipendenti rispetto alle riunioni virtuali tradizionali, che tendono a favorire una dinamica più unidirezionale, più vicina a una serie di monologhi che a un vero dialogo.

Esistono ora soluzioni software che consentono la co-editing in tempo reale dei lavori di progetto per aumentare la collaborazione tra gli studenti. Possiamo aspettarci di assistere a un boom del settore delle tecnologie per l'istruzione nei prossimi anni, poiché la tecnologia non solo affronta le lacune, ma le fa progredire rispetto a un sistema educativo che era stagnante prima di COVID.

Ricordiamo che la nostra società post-pandemia sarà forse più dipendente dall'online, ma non sarà vissuta esclusivamente in modo virtuale. Mentre le grandi lezioni potrebbero rimanere online, i gruppi più piccoli e sicuri potrebbero essere il luogo in cui l'esperienza universitaria di persona vive e prospera.

4: La fine delle riunioni di facoltà, o solo un pio desiderio?

I sistemi educativi di tutto il mondo possono essere molto diversi. Tuttavia, condividono una costante. Dall'Albania allo Zimbabwe, da Abu Dhabi a Zagabria, visitate un luogo di istruzione superiore e troverete personale docente che odia le riunioni di facoltà. Una battuta ricorrente negli ambienti educativi è che l'unica riunione di facoltà valida è una riunione di facoltà cancellata. Se vi sentite così per qualsiasi riunione, è probabile che stiate facendo male le vostre riunioni.

La maggior parte dei professionisti diventa educatore perché è appassionato di una materia e vuole trasmettere questa passione agli altri. L'aumento della burocrazia e il cambiamento delle politiche universitarie non erano i loro sogni quando sognavano di ottenere la cattedra. Oberati di lavoro, con lezioni da preparare, ricerche da portare avanti, documenti da correggere e studenti da consigliare, le riunioni di facoltà sembrano un'interruzione non necessaria. Tuttavia, le riunioni interne di gruppo sono essenziali per il successo della gestione e della comunicazione interna di qualsiasi organizzazione.

Durante la pandemia, gli istituti scolastici, come molte altre istituzioni, hanno scoperto che le riunioni sono diventate più produttive, efficienti e meglio accolte grazie alle tecnologie di videoconferenza. Dagli strumenti di programmazione intelligenti che consentono ai membri della facoltà di scegliere orari che non influiscono negativamente sulle loro agende, alla formattazione più rigida e al rispetto più rigoroso degli ordini del giorno che le riunioni online tendono a portare, e alla mancanza di tempo sprecato per viaggiare da e verso le riunioni, il virtuale potrebbe essere il futuro di tutte le riunioni di facoltà d'ora in poi.

Aumentare le opportunità di formazione

La crescente digitalizzazione dell'istruzione potrebbe ridurre i costi delle università e creare una maggiore uguaglianza e accessibilità per gli studenti che non possono permettersi di vivere vicino al campus e non devono più recarsi ogni giorno alle lezioni. Le lezioni registrate potrebbero anche aiutare a soddisfare gli studenti che devono lavorare durante il giorno, ma che possono rivedere le lezioni, organizzare incontri individuali con i professori e partecipare a gruppi di studio la sera. Tutto ciò diventa ancora più pertinente alla luce della stretta economica post-COVID.

Naturalmente, non è perfetto. Non tutti gli studenti hanno lo stesso accesso ai computer portatili o a una rete internet affidabile, il che aumenta quello che è diventato noto come "divario digitale". Non tutti i professori sono tagliati per questi nuovi modi di insegnare e interagire con studenti e colleghi.

Tuttavia, come gli individui e le organizzazioni di tutti i settori, coloro che avranno successo dopo la pandemia saranno i professionisti altamente impegnati che abbracceranno le opportunità offerte da questa "nuova normalità" anziché vederla come una serie di compromessi indesiderati.

Per vedere come Doodle aiuta gli educatori a bilanciare i loro compiti didattici e amministrativi, date un'occhiata al nostro University of South Carolina case study.**

Articolo correlato

SUS_Hero

Scheduling

Fogli di iscrizione: Semplificare il coordinamento degli eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
two people smiling

Scheduling

7 consigli per programmare revisioni delle prestazioni più efficaci

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Group Planning

Scheduling

Il modo migliore per programmare il tempo da dedicare al networking

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle