Che cos'è il quiet quitting ed è controverso?

Tempo di lettura: 5 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

Man looking offscreen

Sempre più parole d'ordine si sono insinuate nella nostra vita lavorativa. Larghezza di banda, take it offline, SoLoMo e ora, in aggiunta all'elenco, quiet quitting. Ma che cos'è? È un fenomeno generazionale? È l'ultima di una lunga conversazione sull'equilibrio tra lavoro e vita privata? Tutte queste cose?

Sono molte le domande che ci vengono in mente quando sentiamo il termine "quiet quitting", ma una che vogliamo affrontare è perché è controverso. Perché provoca discussioni online e tra amici e familiari? Scopriamolo.

Che cos'è il quiet quitting?

Il significato esatto è ancora oggetto di dibattito, ma secondo Linkedin, significa non andare oltre la descrizione del proprio lavoro, cioè fare il lavoro per cui si è pagati. Numerosi commentatori online hanno descritto le diverse forme che questo può assumere: non accettare progetti che non interessano o rifiutarsi di rispondere ai messaggi dopo l'orario di lavoro, per citarne alcune.

Anche per gli utenti più occasionali dei social media, negli ultimi mesi è stato difficile evitare di discutere se l'abbandono silenzioso sia una cosa seria. Tuttavia, si tratta di un fenomeno che esiste da decenni. Chiunque sia mai stato iscritto a un sindacato sa che il "work to rule" è una tattica spesso utilizzata per migliorare le condizioni di lavoro.

Allora perché tutti ne parlano di nuovo? Ci sono un paio di ragioni, ma principalmente si tratta di una maggiore consapevolezza della salute mentale e di una spinta generale contro la cosiddetta "cultura della fretta".

In un recente sondaggio, un quinto dei lavoratori statunitensi ha dichiarato di essere un tranquillo rinunciatario. Molti di questi hanno anche dichiarato di essere esauriti. Sebbene si tratti di un fenomeno relativamente nuovo, è chiaro che esiste un legame tra stress, disimpegno e abbandono silenzioso.

Allora qual è la controversia?

Probabilmente non ce n'è una, ma dipende da chi ne parla. Matthew MacDonald ha scritto di recente sull'Ottowa Citizen. Ha affermato che le dimissioni silenziose sono solo un lavoro da regolare e se i datori di lavoro vogliono sostenere che si tratta di un problema, allora non dare aumenti di stipendio in linea con l'inflazione è un licenziamento silenzioso.

Tuttavia, Angela Mollard nel Daily Telegraph australiano ha affermato che l'abbandono silenzioso è solo un altro nome per il rallentamento del lavoro ed è pericoloso. Se si permette che si radichi nella vita lavorativa, si insinuerà anche nella nostra vita privata.

Inevitabilmente, molti direbbero che si tratta di una questione generazionale. I GenZers stanno semplicemente creando una nuova parola per indicare il fare ciò per cui si è pagati. Qualcosa che chi è un po' più vecchio conosce come "work to rule" o "work/life balance".

Un modo per fermare il burnout?

A parte le polemiche, l'idea di smettere di lavorare in silenzio solleva una questione seria. Come possiamo assicurarci di bilanciare lavoro e vita privata?

Le grandi dimissioni post-COVID (un precursore del quiet quitting) hanno probabilmente dato il via alle persone che hanno una maggiore considerazione della propria salute. Orari di lavoro ragionevoli, flessibilità, tempo libero e altro ancora sono diventati elementi essenziali e non più "nice to have". Il quiet quitting sembra un'estensione di questo fenomeno. Se i datori di lavoro non offrono l'ambiente per un buon equilibrio tra lavoro e vita privata, i dipendenti si impegnano meno e non fanno più di quanto previsto dal contratto.

Il burnout ha colpito molte persone durante la pandemia. Poco meno dell'80% dei lavoratori statunitensi ha riferito di aver provato un qualche tipo di stress sul posto di lavoro - un balzo in avanti rispetto agli anni precedenti alla pandemia. Questo aumento del burnout, sia esso grave o lieve, ha inevitabilmente portato un maggior numero di persone a chiedersi: ne vale la pena?

Oltre a ciò, il lavoro da casa e la maggiore flessibilità nella giornata dei dipendenti hanno fatto aumentare i livelli di produttività. Un articolo di Bloomberg sostiene che le persone erano più produttive del 13% lavorando da casa.

Con la maggiore conoscenza del COVID, molte aziende hanno imposto ai lavoratori di tornare in ufficio. Questo spesso va contro la volontà del personale, che sostiene che un maggiore uso della tecnologia può contribuire a migliorare la loro produttività.

Sembra che le dimissioni silenziose, l'impegno, la salute, la produttività e la flessibilità facciano parte dello stesso cerchio. Quando i datori di lavoro offrono un ambiente di lavoro eccellente, una retribuzione competitiva e il lavoro a distanza, i dipendenti si sentono più impegnati e investiti. Per non dire che è molto meno probabile che si sentano esauriti. Un dipendente impegnato ha molte meno probabilità di "licenziarsi silenziosamente" rispetto a uno che non lo è.

Doodle può aumentare la vostra produttività e farvi risparmiare in media 45 minuti a settimana rispetto alla posta elettronica. **Provalo gratuitamente oggi stesso.** **

Articolo correlato

SUS_Hero

Scheduling

Fogli di iscrizione: Semplificare il coordinamento degli eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
two people smiling

Scheduling

7 consigli per programmare revisioni delle prestazioni più efficaci

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Group Planning

Scheduling

Il modo migliore per programmare il tempo da dedicare al networking

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle