I 10 principali paesi per i lavoratori a distanza

Tempo di lettura: 8 minuti

Bobby Rae

Bobby Rae

Aggiornato: 4 set 2023

Header

Sembra passata una vita, ma la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto duraturo sulle nostre vite lavorative. In generale, l'atteggiamento nei confronti del modo in cui lavoriamo e l'attenzione per un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata sono argomenti importanti che continuiamo a trattare oggi.

Per molti, la possibilità di lavorare da casa è qualcosa a cui non volevano rinunciare quando la COVID-19 si è attenuata. La ritrovata libertà che permetteva la flessibilità è diventata per molti importante quanto lo stipendio percepito.

Organizzate la vostra prossima riunione virtuale in pochi minuti con un account Doodle gratuito

All'inizio, molte aziende erano felici di consentire una qualche forma di lavoro a distanza, dato che le statistiche hanno dimostrato che i dipendenti erano quasi il 30% più produttivi quando lavoravano da casa.

Tuttavia, man mano che ci si avvicina al 2023, sono emerse sempre più storie di aziende che richiedono ai lavoratori di tornare in ufficio, a tempo pieno o parziale.

Tenendo conto di tutto questo, abbiamo analizzato milioni di incontri negli ultimi tre anni per stilare l'elenco definitivo dei posti migliori al mondo per i lavoratori a distanza. Andiamo.

Costa Rica

1. Costa Rica

Questa nazione dell'America centrale si è aggiudicata il primo posto con un aumento del 44% delle riunioni a distanza negli ultimi tre anni. Conosciuta per i suoi splendidi paesaggi naturali e le sue bellissime spiagge, è facile capire perché le persone si affollino sulle sue coste.

Ma non è solo il paesaggio: molti amano l'atteggiamento rilassato della vita e l'enfasi che viene data al godimento del tempo libero e alla separazione netta tra lavoro e svago.

Inoltre, per chi vuole godersi lo stile di vita da lavoratore remoto, la Costa Rica offre un visto per nomadi digitali che consente ai lavoratori remoti di vivere nel Paese senza dover pagare l'imposta sul reddito e di rimanere per un massimo di due anni.

Puerto Rico

2. Porto Rico, USA

Una piccola parte degli Stati Uniti nascosta nei Caraibi, Porto Rico occupa il secondo posto della nostra top ten. Negli ultimi tre anni ha registrato un aumento del 42% dei meeting remoti.

Come la Costa Rica, Porto Rico offre grandi incentivi fiscali per i cittadini statunitensi che vi si trasferiscono, con sovvenzioni fino a 40.000 dollari per le startup e un'aliquota d'imposta sulle società del 4%.

Con un account Doodle è possibile organizzare eventi in modo rapido e completamente gratuito

Inoltre, in quanto parte degli Stati Uniti, utilizza ancora il dollaro, si trova nello stesso fuso orario di New York e ha un costo della vita significativamente più basso rispetto a molte altre parti degli Stati Uniti continentali.

È probabilmente questo il motivo per cui l'isola ha visto un boom nel numero di startup tecnologiche.

Slovakia

3. Slovacchia

Primo Paese europeo a entrare nella lista, la Slovacchia, nazione senza sbocco sul mare, ha registrato un aumento del 38% delle riunioni a distanza negli ultimi tre anni.

Sebbene la Slovacchia non offra un visto per nomadi digitali o incentivi fiscali, la sua popolarità potrebbe essere spiegata dal costo della vita relativamente basso rispetto ad altri Paesi europei. Qualsiasi cittadino di uno Stato membro dell'UE può trasferirsi in Slovacchia senza bisogno di un visto.

Inoltre, la posizione centrale del continente consente ai lavoratori remoti di visitare facilmente l'Europa senza doversi assentare troppo.

India

4. India

Prima tra le due nazioni asiatiche presenti nel nostro elenco, l'India ha registrato un aumento del 32% delle riunioni a distanza dal 2020.

Per molti anni, il Paese più popoloso del mondo ha fornito servizi di outsourcing a numerosi Paesi del mondo, tra cui Stati Uniti e Regno Unito. Tuttavia, più di recente, si è assistito a una crescita dei servizi tecnologici, tra cui soluzioni web e marketing digitale.

Configura il tuo account gratuito - non è necessaria la carta di credito

Il costo della vita in India è incredibilmente basso rispetto a molti altri Paesi, soprattutto per chi lavora nel settore IT. Ad esempio, un appartamento medio con una camera da letto a New York costa quasi il 570% in più rispetto a un appartamento analogo a Mumbai.

Argentina

5. Argentina

L'Argentina è uno dei Paesi sudamericani in cui è più facile ottenere un visto e negli ultimi tre anni ha registrato un aumento del 31% delle riunioni a distanza.

Nel 2022, il governo argentino ha introdotto un visto per nomadi digitali. Come il suo omologo costaricano, finché il lavoro svolto è per un'azienda al di fuori del Paese, non è necessario pagare l'imposta sul reddito. Un possibile motivo per l'aumento delle riunioni a distanza.

L'Argentina è anche uno dei Paesi sudamericani più economici in cui vivere, e offre un ottimo stile di vita a chiunque guadagni un reddito decente.

Inoltre, la nazione offre una bellezza naturale straordinaria e una cultura vivace.

Poland

6. Polonia

Secondo Paese europeo a comparire nell'elenco, la Polonia ha assistito a una trasformazione della propria economia da quando è entrata a far parte dell'UE nel 2004. Non sorprende quindi che dal 2020 si sia registrato un aumento del 30% delle riunioni virtuali.

Come la Slovacchia, qualsiasi cittadino dell'UE può vivere e lavorare in Polonia senza bisogno di un visto.

Trovare un orario per le persone che contano in pochi minuti

Nel 2023, la Polonia ha rafforzato i diritti delle persone a lavorare da casa. Ai datori di lavoro è vietato rifiutare una richiesta da parte dei genitori di bambini piccoli, di chi assiste persone disabili e di chi è in stato di gravidanza.

La Polonia ha anche una industria tecnologica in crescita che alcuni descrivono come una delle più veloci al mondo. Grazie ai suoi collegamenti europei e all'abbondanza di talenti disponibili. Questo potrebbe anche spiegare perché la Polonia occupa il sesto posto nella nostra lista.

Morocco

7. Marocco

L'unica nazione africana presente nella nostra lista, il Marocco occupa il settimo posto con un aumento del 30% delle riunioni a distanza negli ultimi tre anni.

Come altri Paesi della nostra lista, il Marocco offre un visto per nomadi digitali che consente ai lavoratori a distanza di rimanere nel Paese per un massimo di un anno.

Nelle grandi città, come Marrakesh, abbondano gli spazi di coworking e coliving, che potrebbero essere perfetti per un nomade digitale in cerca di nuove amicizie.

Inoltre, il Marocco offre paesaggi straordinari e una cultura coinvolgente che lascerà ai lavoratori remoti ricordi unici e duraturi.

Taiwan

8. Taiwan

Taiwan, uno dei centri di lavoro a distanza in più rapida crescita al mondo, è il nostro secondo Paese asiatico e l'ottavo della lista, con una crescita del 28% delle riunioni virtuali dal 2020.

Sebbene l'isola non offra un visto per nomadi digitali, offre un'alternativa disponibile per chi lavora in settori selezionati, tra cui l'istruzione, la finanza e la tecnologia.

Configura il tuo account gratuito - non è necessaria la carta di credito

Ci sono molti motivi per cui Taiwan potrebbe entrare nella nostra lista, tra cui la velocità di internet tra le più alte al mondo, un'industria tecnologica in forte espansione, straordinarie specialità culinarie e culturali e la cordialità della gente del posto.

Guadeloupe

9. Guadalupa

Questo dipartimento francese d'oltremare segue Taiwan e occupa il nono posto della nostra lista, anche grazie a un aumento del 28% delle riunioni a distanza dal 2020.

Essendo parte della Francia, è facile capire perché molti europei si siano riversati in questo paradiso caraibico. Ciò significa anche che la vita quotidiana dell'isola ha subito una forte influenza francese, dalla lingua alla cultura.

Per i nomadi digitali che desiderano uno stile di vita rilassato, la Guadalupa offre acque cristalline, un clima tropicale e spiagge meravigliose da sfruttare al meglio nel proprio tempo libero.

Chile

10. Cile

L'ultimo Paese della nostra lista è il Cile, nazione sudamericana che ha visto un aumento del 27% delle riunioni a distanza negli ultimi tre anni.

Le ragioni possono essere molteplici, ma una potrebbe essere che per i cittadini statunitensi che lavorano a distanza per un datore di lavoro americano non è necessario un visto. Ci sono ancora alcuni obblighi fiscali da assolvere (il che rende questa situazione un po' diversa dal visto per nomadi digitali offerto da paesi come il Costa Rica), ma con un costo della vita molto più basso, si ottiene sicuramente di più per il proprio denaro.

Inoltre, Santiago, la capitale del Paese, sta scalando le classifiche mondiali delle migliori città con un polo tecnologico in crescita, un costo della vita accessibile e un fuso orario simile a quello degli Stati Uniti occidentali.

Organizzate la vostra prossima riunione virtuale in pochi minuti con un account Doodle gratuito

La nostra metodologia

Abbiamo esaminato i dati anonimizzati che mostrano il numero di riunioni a distanza prenotate durante il periodo di COVID e se tale numero è aumentato o diminuito rispetto a un periodo simile di quest'anno. A partire da questi dati, siamo stati in grado di stilare una classifica dei Paesi e di analizzare i motivi per cui il lavoro a distanza è cresciuto o diminuito.

Nella nostra top ten, abbiamo escluso tutti i Paesi che attualmente si trovano in uno stato di disordine politico, poiché, per ovvie ragioni, il lavoro da remoto è aumentato in modo esponenziale. Anche se non rientrano nella nostra top ten, li abbiamo inclusi nella tabella.

Vogliamo anche sottolineare che, sebbene l'Oman non si trovi in uno stato di disordine civile, è stato fortemente influenzato dal numero di rifugiati provenienti dal vicino Yemen (attualmente in stato di guerra civile). Riteniamo che questo afflusso di sfollati abbia notevolmente alterato i risultati dell'Oman, per cui lo evidenziamo insieme ai Paesi in stato di disordine civile.

Per verificare se un Paese si trova in uno stato di disordine civile, abbiamo utilizzato diverse fonti, tra cui l'ONU, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e Amnesty International, oltre a fonti di notizie locali affidabili.

La nostra ricerca

Articolo correlato

Students listen to their teacher

Scheduling

Come programmare il tempo di studio per il successo accademico

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
woman in grey suit

Scheduling

Come elaborare una politica di pianificazione per i vostri dipendenti

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Sign-up sheets

How to

Come creare un Pianificatore di eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle