Il presente e il futuro dell'IA: 4 incredibili applicazioni di IA e robotica del 2018

Tempo di lettura: 4 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

AI

Non è un segreto che l'IA sia la parola d'ordine che sta prendendo d'assalto il mondo della tecnologia. Una recente indagine di Deloitte ha rilevato che il 76% dei dirigenti intervistati ritiene che le applicazioni dell'IA trasformeranno sostanzialmente la loro attività nei prossimi tre anni. In effetti, l'impatto combinato della rapida crescita dei dati e dei massicci progressi nella potenza di calcolo fa sì che l'apprendimento automatico e la robotica avanzino a un ritmo impressionante.

Sappiamo tutti che l'apprendimento automatico sta alimentando qualsiasi cosa, dai filtri antispam nelle nostre caselle di posta elettronica alle applicazioni di IA di Doodle per la programmazione (https://doodle.com/en/resources/blog/doodle-meets-slack/). Ma con l'enorme volume di progressi dell'IA di cui si parla, molti progetti veramente innovativi (e molto interessanti) stanno applicando le tecniche dell'IA in modi che non abbiamo mai considerato. Ecco quattro incredibili applicazioni di AI e robotica che stanno cambiando il mondo in modi che (probabilmente) non avreste mai immaginato.

Diagnosi di malattie globali, anche nei luoghi più remoti

I progressi combinati nella sanità e nell'IA negli ultimi anni sono stati sbalorditivi e hanno cambiato completamente il modo in cui pensiamo alla salute, alla guarigione e alla sopravvivenza. Tuttavia, molti dei luoghi meno collegati del pianeta sono i più colpiti da malattie curabili e hanno meno probabilità di sentire l'impatto di una tecnologia sofisticata. È qui che entra in gioco AiScope, che ha creato una soluzione per diagnosticare malattie globali come la tubercolosi, la malaria e la diarrea, economica, portatile e utilizzabile praticamente ovunque. Hanno utilizzato tecniche avanzate di apprendimento automatico e di visione computerizzata per rendere la diagnosi microscopica portatile e utilizzabile praticamente da chiunque. La parte migliore è che è open source, il che significa che chiunque abbia una visione computerizzata può contribuire e portare avanti questa soluzione salvavita!

Dare una mano alla Stazione Spaziale Internazionale

La NASA è una delle organizzazioni scientifiche più conosciute del pianeta, ma sapevate che presto dei droni volanti autonomi svolgeranno un lavoro di pulizia vitale a bordo della Stazione Spaziale Internazionale? Chiamati Astrobees, questi droni autonomi sono stati ispirati dai droidi addestratori di Star Wars. Dotati di algoritmi di navigazione e di capacità di riconoscimento delle immagini all'avanguardia, gli Astrobees saranno presto responsabili della regolazione della qualità dell'aria e dell'inventario sulla ISS, oltre a condurre essi stessi piccoli esperimenti.

Trovare i bambini perduti

In India, la scomparsa di bambini è un problema sociale enorme, che causa traumi e angosce incalcolabili alle famiglie. Si stima che tra il 2012 e il 2014 siano scomparsi più di 230.000 bambini in India. Nonostante siano controversi in molte applicazioni, gli algoritmi di riconoscimento facciale si sono rivelati estremamente utili per ricongiungere i bambini scomparsi alle loro famiglie. Nel 2018, TrackChild ha implementato un nuovo algoritmo che ha eseguito il riconoscimento facciale per determinare le corrispondenze tra gli avvisi di scomparsa di bambini e 45.000 foto di bambini che vivono in orfanotrofio. In soli 4 giorni, è riuscito a trovare e identificare 2.930 bambini scomparsi, cambiando per sempre la vita di migliaia di persone.

Permetterci di pilotare i droni con la mente

Poter pilotare un drone con il solo pensiero è un sogno fantascientifico per molti; e grazie alla robotica avanzata e al lavoro neuroscientifico di Emotiv, quel sogno è ora una realtà. Nel 2018 ha presentato pubblicamente il suo Insight headset, un EEG in grado di misurare l'attività cerebrale e di utilizzarla per pilotare un drone. Ciò che la tecnologia fa in realtà è rilevare uno schema di pensiero prolungato, per cui pensare "Alzati!" o "Vola!" farà decollare il drone, ma anche pensare al formaggio o a qualsiasi altra cosa su cui si possa concentrare l'attenzione. Comunque sia, pilotare un drone grazie alla pura concentrazione è davvero fantastico.

Articolo correlato

SUS_Hero

Scheduling

Fogli di iscrizione: Semplificare il coordinamento degli eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
two people smiling

Scheduling

7 consigli per programmare revisioni delle prestazioni più efficaci

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Group Planning

Scheduling

Il modo migliore per programmare il tempo da dedicare al networking

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle