Microschedatura: Tendenza o hype?

Tempo di lettura: 3 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

Cell phone lies on a notebook next to a laptop

Qui a Doodle siamo interessati a tutto ciò che può aumentare la nostra produttività: lavorare meglio e in modo più intelligente è il nostro obiettivo, dopo tutto. Quando abbiamo sentito parlare di microscheduling, siamo stati naturalmente ansiosi di saperne di più. Che cos'è e, soprattutto, che dovreste provare?

Cos'è una microprogrammazione?

La microprogrammazione è l'ultima tendenza in fatto di produttività che sta spopolando in rete, anche se non manca di far sollevare qualche sopracciglio. In sostanza, la microprogrammazione consiste nel suddividere la vostra agenda in piccoli intervalli di tempo (si parla di intervalli di 90 secondi) e nell'assegnare un compito a ciascuno di essi. I microschedulatori giurano su questa tecnica, ma alcuni guru della produttività sostengono che questa tattica è troppo estrema per dare risultati duraturi.

Allora, come si presenta una tipica microschedula? Pensate a una lista di cose da fare convenzionale, con una manciata di compiti scritti in forma di elenco puntato. La microprogrammazione è praticamente l'opposto. Per cominciare, la giornata viene suddivisa in piccole fasce orarie e a ogni fascia oraria viene assegnato un compito. In genere, queste fasce orarie hanno una durata compresa tra i 5 e i 15 minuti, anche se le attività più brevi (come la pausa bagno) possono essere ridotte a un minuto e mezzo. Con una microprogrammazione, ogni minuto della vostra giornata lavorativa è preso in considerazione.



Perché si dovrebbe microschedare?

Attenersi a una microprogrammazione ha un chiaro vantaggio: suddividere la giornata in piccoli lassi di tempo vi costringe a suddividere i compiti più grandi in compiti più piccoli e gestibili. Così, mentre la lista delle cose da fare tradizionale potrebbe avere solo uno o due compiti di grandi dimensioni, come "Scrivere una relazione", la microprogrammazione prende quel compito e lo suddivide: "Delineare la relazione", "Raccogliere i numeri del budget per la relazione", "Redigere l'introduzione per la relazione". [La ricerca (https://drive.google.com/file/d/0B5PfmCdXTvf6V1hvbjhpaXA4M0E/edit) dimostra che possiamo essere intimiditi da compiti di grandi dimensioni; "suddividere" i compiti di grandi dimensioni in fasi piccole e realizzabili è una strategia efficace e comprovata per portarli a termine.

Inoltre, stabilire una microprogrammazione vi incoraggia a considerare la vostra giornata con attenzione e a pianificarla con intenzione. Quando si parla di ogni minuto, è facile evitare perdite di tempo e distrazioni. Un vantaggio per tutti!



Perché non si dovrebbe microschedare?

Una microprogrammazione rigida può essere piuttosto intensa: questa tattica non è assolutamente adatta a tutti! Innanzitutto, una microprogrammazione non lascia spazio a errori o spontaneità. Se qualcuno arriva con cinque minuti di ritardo alla riunione programmata, il resto del programma va a farsi benedire. Allo stesso modo, se si sta entrando nel vivo di uno dei compiti programmati, può essere controproducente cambiare marcia.

Un altro inconveniente: a meno che non lo abbiate programmato in modo specifico, in una microprogrammazione non c'è spazio per i tempi morti. Sebbene i tempi morti non producano immediatamente risultati concreti, è dimostrato che sono importanti per alimentare la creatività e generare idee.

Allora, qual è il verdetto?

La microprogrammazione non è una soluzione unica per la produttività. Ma la strategia che la sottende - tenere conto del proprio tempo e suddividere i compiti più importanti in attività gestibili - è valida. Se vi sentite sopraffatti da un compito apparentemente impossibile o se vi sembra di non avere mai molto da mostrare alla fine della giornata lavorativa, perché non provare la microprogrammazione? Potreste rimanere piacevolmente sorpresi!

Articolo correlato

Sign-up sheets

How to

Come creare un Pianificatore di eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
Hand holding an alarm clock

Trending

Gestione del tempo: Una competenza chiave per l'era digitale

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Woman sitting at table and working with tablet and computer

Trending

Come gli strumenti digitali stanno cambiando il panorama lavorativo

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle