L'intelligenza artificiale nel posto di lavoro di domani

Tempo di lettura: 4 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 6 set 2023

Cables in yellow, purple and blue

Nella prima parte di questa serie, abbiamo analizzato come i progressi della tecnologia AI stiano già cambiando i nostri luoghi di lavoro. Ora affronteremo alcune delle questioni importanti che l'IA sul posto di lavoro pone per il futuro: Quali sviluppi dell'IA possiamo aspettarci nei prossimi anni? Che impatto avranno sui nostri posti di lavoro? È già tempo di preoccuparsi della Singolarità?

Spoiler: no, non è ancora il momento di iniziare a preoccuparsi della Singolarità. Ma, a parte le ansie per una razza dominante di robot, l'intelligenza artificiale è destinata a cambiare irrevocabilmente il nostro modo di lavorare e il tipo di lavoro che svolgiamo. Il che non sorprende, se si considera il suo potenziale economico: riportando un'indagine del McKinsey Global Institute, l'Economist afferma che "... la sola applicazione dell'IA al marketing, alle vendite e alle catene di fornitura potrebbe creare un valore economico, compresi i profitti e l'efficienza, pari a 2,7 trilioni di dollari nei prossimi 20 anni".

Noi di Doodle siamo entusiasti dell'IA e del suo potenziale nel semplificare e rivoluzionare il nostro modo di lavorare. Riteniamo che per adattarsi ai cambiamenti in arrivo, per non parlare della possibilità di rimanere competitivi in un mercato che sta rapidamente abbracciando l'IA, è fondamentale rimanere informati. Ecco quindi la nostra opinione su come l'IA si inserirà nel posto di lavoro di domani:

Uomo contro macchina

Nei prossimi decenni saremo sempre più numerosi a lavorare a fianco di sistemi di IA, siano essi robot fisici, assistenti virtuali o altre applicazioni abilitate all'IA. Come può dirvi chiunque abbia sfogliato un romanzo di Isaac Asimov, le situazioni "uomo contro macchina" raramente finiscono bene per gli esseri umani. Ma non siamo sull'orlo di una distopia fantascientifica. È vero, tuttavia, che è probabile che alcuni lavori diventino completamente automatizzati nel prossimo futuro. Un rapporto del 2017 di Price Waterhouse Coopers ha stimato che entro il 2037 circa 7 milioni di posti di lavoro potrebbero essere persi a causa dell'IA, con il settore manifatturiero e quello dei trasporti tra i più colpiti. Lo stesso rapporto ha anche rilevato che l'IA in realtà creerà 7,2 milioni di posti di lavoro, in particolare nei settori della salute e della scienza. Ci sarà quindi un cambiamento nel panorama occupazionale. Alcuni lavoratori troveranno il loro lavoro obsoleto e molti altri vedranno cambiare la composizione del loro carico di lavoro quotidiano. Ma nella maggior parte dei settori, non saremo in competizione con i robot e le altre applicazioni di IA per i** lavori, bensì **collaboreremo con loro, come partecipanti a un "luogo di lavoro aumentato".

Come funzionerà questa collaborazione? Nel migliore dei casi, le applicazioni di IA lavoreranno in base ai loro punti di forza - svolgendo compiti ripetitivi e meccanici, analizzando rapidamente grandi quantità di dati e formando intuizioni - lasciando agli esseri umani più tempo per il pensiero profondo e la risoluzione creativa dei problemi e la capacità di svolgere compiti più sofisticati o empatici con maggiore attenzione e sfumature. Ad esempio, un medico assistito dall'IA nell'analisi dei sintomi del suo paziente potrebbe dedicare meno tempo alla formulazione di una diagnosi, lasciando più tempo per spiegare la diagnosi e rispondere alle preoccupazioni individuali del paziente.

Una nuova generazione di assistenti virtuali

Oltre a collaborare con i "colleghi" dell'IA, i dipendenti sul posto di lavoro del futuro saranno abilmente assistiti da un'intera serie di applicazioni IA. Gli assistenti virtuali, i chatbot e i dispositivi connessi all'Internet degli oggetti stanno già facendo breccia nel mondo del lavoro. Man mano che la tecnologia di cognitive computing diventa più sofisticata, ci si aspetta di interagire sempre di più con questi bot. E quando diciamo interagire, intendiamo proprio interagire. Man mano che i bot e gli assistenti diventano più abili nell'interpretare e generare il linguaggio umano, è probabile che assumano ruoli più ampi nel servizio clienti, rispondendo in modo flessibile a una serie di dubbi e domande dei clienti e persino parlando al telefono oltre che attraverso l'attuale interfaccia di chat. E se un tempo gli assistenti personali dedicati erano riservati ai membri dell'alta dirigenza, nei prossimi 20 anni la maggior parte dei dipendenti potrebbe avere un proprio assistente virtuale. DZone prevede che la prossima generazione di assistenti virtuali sarà in grado di aiutare i dipendenti a rispondere con agilità alle tendenze in tempo reale, ad esempio avvisandoli di un calo delle vendite e proponendo azioni per risolvere il problema.

Oltre a migliorare le prestazioni lavorative, questi assistenti virtuali ottimizzeranno l'esperienza dei dipendenti sul posto di lavoro. Organizzeranno e daranno priorità ai nostri elenchi di cose da fare, ci ricorderanno di fare la pausa pranzo e magari di ordinare al nostro ristorante preferito, e si assicureranno persino che il riscaldamento dell'ufficio sia acceso prima del nostro arrivo nelle fredde mattine d'inverno. Naturalmente, queste innovazioni si estenderanno anche alla gestione del calendario e alla programmazione delle riunioni. In Doodle immaginiamo un sistema di pianificazione totalmente autonomo: un sistema che impara le nostre abitudini, le nostre best practice e i nostri obiettivi così bene da poter programmare le nostre riunioni e svolgere tutte le attività amministrative connesse, tenere sotto controllo i nostri KPI lavorativi e i nostri impegni personali, e persino suggerire quando potrebbe essere il momento giusto per programmare le riunioni. impegni personali, e persino suggerirci quando è il momento di prenderci una meritata vacanza... naturalmente fornendo un elenco di proposte alberghiere personalizzate. Stiamo lavorando duramente per trasformare questa visione in realtà e, come molti sviluppi dell'intelligenza artificiale, potrebbe non essere così lontana come pensate!

Telepresenza 2.0

Quando si parla di telepresenza, la linea di demarcazione tra uomo e robot sta per diventare sempre più sottile. Aspettatevi che i rudimentali robot di telepresenza diventino molto più** **sofisticati - e rapidamente! Come abbiamo notato nella prima parte di questa serie, i robot di telepresenza stanno già offrendo ai lavoratori remoti un modo più interattivo e intuitivo di partecipare al posto di lavoro anche quando sono fuori sede. Dave Evans, capo futurista di Cisco, immagina uno scenario in cui un dirigente deve scegliere un nuovo partner per le spedizioni. Invece di recarsi in innumerevoli strutture internazionali o di inviare i manager regionali a ispezionarle, il dirigente può "... semplicemente toccare lo schermo di un iPad per risvegliare il robot dalla sua stazione di ricarica nella struttura del fornitore, quindi toccare il punto in cui si desidera andare su una mappa. L'utente apparirà sullo schermo mobile della TelePresenza mentre il robot si muove autonomamente all'interno della sede remota, incontrando i dirigenti, parlando con i dipendenti e visitando la struttura. Il tutto dal proprio ufficio, da casa, da una camera d'albergo o da qualsiasi altro luogo in cui ci si trovi".

Le prospettive dell'IA sul posto di lavoro

Quando si parla di IA, i dati, le statistiche e le tendenze puntano in una direzione: la nuova tecnologia viene adottata rapidamente e diventerà un elemento fisso nel futuro posto di lavoro. La transizione non sarà senza soluzione di continuità. Alcune mansioni e alcuni lavori saranno affidati alle macchine. Alcune competenze umane potrebbero essere svalutate, mentre altre - come l'empatia e la creatività, che difficilmente l'IA riuscirà a padroneggiare a breve - potrebbero acquisire maggiore valore. È difficile dire con esattezza dove saremo nei prossimi 20 anni, o nei prossimi 200. Potremmo passare le feste di Natale del futuro in ufficio a fare il robot con dei veri robot. Oppure potremmo scoprire che l'IA trasformerà il posto di lavoro in modi più sottili. Ma è ora di iniziare a prepararsi alla tendenza che aumenterà le nostre competenze, snellirà i nostri processi e cambierà radicalmente il panorama del lavoro.

Articolo correlato

SUS_Hero

Scheduling

Fogli di iscrizione: Semplificare il coordinamento degli eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
two people smiling

Scheduling

7 consigli per programmare revisioni delle prestazioni più efficaci

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Group Planning

Scheduling

Il modo migliore per programmare il tempo da dedicare al networking

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle