5 consigli per i reclutatori per trovare più velocemente il candidato ideale

Tempo di lettura: 6 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 4 ott 2023

Two women in a job interview

La velocità è importante. Chiedetelo a Usain Bolt, a Keanu Reeves o a chiunque sia seduto ad aspettare il buffer di un video in ritardo su YouTube. Già che ci siete, potete aggiungere i reclutatori all'elenco dei dipendenti dall'alacrità.

Mentre la pandemia di Coronavirus minaccia di gettare il mondo in una depressione economica, la triste realtà è che qualsiasi flessione avrà un impatto maggiore sui lavori e sui dipendenti meno qualificati. I lavoratori altamente istruiti e con competenze basate sulla conoscenza rimarranno probabilmente molto richiesti. Per molti lavori e settori, la domanda è ancora superiore all'offerta, il che significa che, anche in questi tempi di crisi economica, il mercato del lavoro è aperto ai candidati.

Quando si rendono disponibili candidati di qualità, tendono ad essere accaparrati più velocemente di un cucciolo di zebra che pagaia sul Nilo. I candidati migliori restano sul mercato del lavoro per soli dieci giorni prima di essere assunti. I reclutatori devono reagire rapidamente per avere una chance.

Non si tratta solo di contattare tempestivamente il candidato. Con ogni posto vacante che costa alle aziende una media di 420 euro al giorno, è nell'interesse di tutti inserire il candidato giusto nel ruolo giusto alla massima velocità. Cosa possono fare le aziende per accelerare il loro reclutamento?

1. Creare descrizioni del lavoro chiare e concise

Come quasi tutti i lavori ben fatti, un ottimo recruiting inizia molto prima della fase del colloquio e prima ancora che il lavoro venga pubblicato. Una descrizione del lavoro ben scritta e dettagliata, corredata da un profilo completo del candidato, è fondamentale, ma quasi sempre viene trascurata o trascurata. Dedicate qualche ora alla stesura di una descrizione del lavoro e di un profilo del candidato di prim'ordine e risparmierete giorni di colloqui, contatti e interviste a candidati che non sono all'altezza della situazione.

2. Un maggior numero di candidati non è meglio

Se in passato avete cercato attivamente lavoro, non vi sorprenderà sapere che (https://www.shrm.org/resourcesandtools/hr-topics/technology/pages/study-most-job-seekers-abandon-online-job-applications.aspx#:~:text=Il%20problema%20dei%20candidati%20al lavoro, della%20loro%20lunghezza%20o%20complessità.) hanno prima o poi abbandonato un processo di candidatura perché richiedeva troppo tempo. Ciò significa che molti candidati di alta qualità non solo si perdono per strada e vengono presi da altre aziende e forse anche dalla concorrenza, ma anche che lasciate loro una cattiva impressione della vostra organizzazione.

La fase del processo che richiede più tempo è solitamente quella del contatto iniziale e dello screening. Troppi reclutatori lo fanno con un numero eccessivo di candidati. Siate aggressivi nel ridurre il numero di candidature ricevute a soli tre o cinque candidati e poi fissate le chiamate utilizzando uno strumento di pianificazione online come la pagina di prenotazione di Doodle. In questo modo, i candidati possono scegliere una fascia oraria comoda per i loro impegni, senza che voi dobbiate fare avanti e indietro.

Con un numero minore di candidati da intervistare e una programmazione più efficiente delle chiamate, dovrebbe essere possibile superare queste prime fasi in modo rapido ed efficiente, mentre i candidati migliori sono ancora disponibili e desiderosi di lavorare per la vostra azienda.

3. Rete, rete, rete

Con l'acuto bisogno di velocità, è estremamente prezioso trovare scorciatoie per trovare candidati adatti a coprire i posti vacanti. Per questo motivo i selezionatori dovrebbero dedicare una parte considerevole del loro tempo al networking, approfondendo la conoscenza dei settori e dei mercati di riferimento e creando contatti attraverso eventi personali e opportunità digitali. Le reti non devono essere necessariamente esterne. Il personale delle aziende e le loro reti sono strumenti potenti per scovare le gemme.

Armato di questi approcci, quando si apre un posto vacante, il selezionatore può affrontare la sfida a testa alta e con precisione laser. Può condividere l'offerta di lavoro internamente e con la propria rete prima di adottare l'approccio "spray and pray", ovvero l'invio di annunci di lavoro e pubblicità.

Quasi la metà di tutte le aziende ritiene che le assunzioni di qualità più elevata provengano da referenze, mentre i candidati referenziati vengono in genere assunti il 55% più velocemente, e restano in azienda più a lungo.

4. Costruire una pipeline

Quando una persona diventa un candidato? Domanda a trabocchetto. Tutti sono sempre candidati a un ruolo nella vostra organizzazione; almeno, è così che dovreste approcciare la vostra strategia di reclutamento. Tre quarti dei candidati per i lavori più richiesti sono persone in cerca di lavoro passivo, che vengono cercate, contattate, segnalate da un contatto o che semplicemente vedono un ruolo che cattura la loro immaginazione, anche se in genere sono abbastanza soddisfatti del loro lavoro attuale.

È proprio per questo che i selezionatori devono collaborare strettamente con i colleghi del marketing del reclutamento. Il marketing del reclutamento assicura che il volto esterno del marchio del datore di lavoro sia sempre trasmesso. È un approccio proattivo per raccontare al mondo chi siete, cosa fate e quali opportunità avete. Pertanto, il lavoro pesante è già stato fatto quando i reclutatori alzano per la prima volta il telefono per contattare un candidato. La conoscenza preventiva e la consapevolezza della vostra azienda come datore di lavoro accelereranno, ovviamente, anche il processo di reclutamento.

Il marketing del reclutamento non deve essere necessariamente un'attività di creazione del marchio del datore di lavoro. Supponiamo che la vostra azienda abbia delle posizioni particolari che sono molto ricercate o difficili da coprire. In questo caso, potreste lanciare campagne di pipeline per acquisire i dettagli di contatto di persone con il profilo giusto, in modo che, quando si aprono delle opportunità, ci sia già un elenco di potenziali candidati che i reclutatori possono raccogliere.

5. Usate la tecnologia per eliminare i colli di bottiglia

Fate un passo indietro e date un'occhiata critica e obiettiva al vostro intero processo di reclutamento. Dove sono gli ostacoli? Cosa potreste fare per renderlo più efficiente? Dove sono i colli di bottiglia?

Spesso la tecnologia può aiutare a smussare e accelerare questi ritardi. Ad esempio, l'utilizzo di strumenti di videoconferenza per i primi incontri li rende molto più rapidi e facili da gestire per i reclutatori. I team di reclutamento di molte organizzazioni sono piccoli e con poche risorse. Uno strumento di programmazione online come Doodle può far risparmiare ore di e-mail e restituire tempo ai reclutatori, fungendo da assistente virtuale per le riunioni.

Per le posizioni ad alto volume, come quelle nel settore della vendita al dettaglio e dell'ospitalità, l'intelligenza artificiale può integrarsi perfettamente con le piattaforme sociali o i siti web e guidare i candidati attraverso le prime fasi del processo, segnalando solo i candidati qualificati che devono essere seguiti dal selezionatore.

L'uso della tecnologia nel settore del recruiting è talmente importante che oltre il 98% delle aziende Fortune 500 utilizza una qualche forma di software di reclutamento e più di due terzi dei professionisti del recruiting ritengono che investire nella tecnologia sia il modo migliore per migliorare il reclutamento della propria azienda.

Più velocemente i candidati vengono reclutati, più sono soddisfatti dell'esperienza, meno costa all'azienda e, non dimentichiamolo, prima entrano a far parte dell'organizzazione e possono essere sviluppati e coltivati dal team HR e dai manager. Il reclutamento non è un obiettivo in sé, ma piuttosto uno strumento necessario per garantire che le aziende siano ben attrezzate e pronte al successo. Eliminando le inefficienze e creando un processo di reclutamento fluido e veloce, le persone entrano e le aziende vanno avanti.


Se lavorate nel settore del reclutamento, allora queste sono alcune ragioni per cui Booking Page dovrebbe essere il vostro nuovo migliore amico.

Articolo correlato

Doodle v Vyte

Scheduling

Doodle vs. Vyte: Quale software di pianificazione è migliore?

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Doodle v Zoho Bookings

Scheduling

Doodle vs. Zoho Bookings: Qual è la soluzione giusta per la vostra azienda?

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Sign-up sheets

How to

Come creare un Pianificatore di eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle