Usare l'intelligenza artificiale per gestire i nostri orari

Tempo di lettura: 4 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

Blue and white strings

Come l'IA nelle nostre tasche ci aiuterà a essere umani più efficienti

Programmare le riunioni: un compito che gli esseri umani possono trovare faticoso e frustrante. Un tipo di lavoro che dovrebbe essere robotizzato. Questa è una parte importante della missione di Doodle e il chatbot Meekan è lì per aiutarci a realizzarla. Con la sua pazienza angelica e la sua velocità sorprendente, il compito di programmare riunioni complicate sta per diventare dominio esclusivo dell'intelligenza artificiale. Ogni essere umano moderno deve conoscere un po' di IA. In questo post condividiamo alcune delle nostre intuizioni sui modi in cui l'IA può davvero lavorare per e con gli esseri umani. Parleremo anche delle sfide uniche che l'IA deve affrontare per essere più efficace, di quali parti dell'IA si integrano con il pensiero umano e di cosa diventa un messaggio di errore. E vedremo come l'IA nelle nostre tasche stia iniziando a diventare veramente integrata nella nostra vita quotidiana.

Cominciamo con una piccola nota negativa (ma poi migliora): in questo momento, nel mondo del lavoro e dell'organizzazione della vita personale, molte app si propongono di aiutarci a gestire i nostri impegni. L'obiettivo della tecnologia è sempre stato quello di ottimizzare l'uso del nostro tempo e la produttività umana. Eppure, la frustrazione nei confronti della tecnologia è un'esperienza ancora troppo comune, soprattutto quando si tratta di sincronizzare non solo i propri calendari, ma anche quelli di un intero team. Che cosa sta succedendo?

Le due sfide principali che l'IA deve superare per aiutare veramente l'uomo

Quando si tratta di automatizzare la programmazione, emergono due sfide principali, proprie dell'IA. Le due sfide principali sono:

Quindi, l'IA arriva in briciole, sotto forma di una colonia di sistemi isolati che solo occasionalmente collaborano tra loro. Non esiste un "unico mondo" dell'IA. Questo è un problema per un'IA che cerca di aiutare un gruppo di persone a programmare una riunione.


Ecco come l'IA sta già lavorando per voi ogni giorno

Fate un passo indietro per contemplare quante cose l'IA fa per noi in un giorno: l'app di mappe può guidarci verso il luogo di lavoro in qualsiasi città. Ci aiuta a sapere quale metropolitana prendere o quale autista chiamare per farci venire a prendere. L'elenco delle applicazioni quotidiane dell'IA continua ad allungarsi.

Si tratta di una moltitudine di piccoli pezzi e di singoli compiti in cui l'intelligenza artificiale viene impiegata. Ciascuna delle applicazioni è di proprietà di un'agenzia, di un'azienda o di una piattaforma di rete diversa: ad esempio, Google Calendar appartiene a Google, mentre l'accesso a Tinder avviene tramite Facebook. Ma ora il discorso si fa interessante.

In passato, una delle principali fonti di frustrazione della tecnologia era che, a meno che gli utenti non fossero sulla stessa piattaforma, non c'era modo di far collaborare i loro dispositivi. Con l'avanzare del mondo del lavoro nell'era dell'industria 4.0, l'impossibilità di sincronizzarsi è diventata un grosso ostacolo alla nostra produttività.

Oggi le persone usano le app per una miriade di piccoli compiti. Sempre più a fondo, integriamo l'informatica in ogni aspetto della nostra vita. Ciò si traduce in collaborazioni tra gruppi di persone e gruppi di dispositivi e l'intelligenza artificiale di questi ultimi.

Nessuno può dare per scontato che ogni individuo abbia lo stesso tipo di calendario. La sfida per un'IA di programmazione è quindi quella di far parlare tra loro, ad esempio, i calendari di cinque persone. Superare la sfida della "condizione distributiva dell'intelligenza artificiale", potrebbe sbloccare la produttività umana 4.0.

Meekan, il chatbot di Doodle, è pronto ad affrontare la sfida della dispersione dell'intelligenza artificiale in una serie di applicazioni individuali, fornite da una serie di fornitori simultanei, che creano una tale sfida alla programmazione automatizzata.

Questo copre l'aspetto della natura distributiva dell'IA.

La seconda sfida è la comprensione del linguaggio umano senza troppi intoppi.

Ecco come l'intelligenza artificiale impara il linguaggio umano.

Quando si tratta di addestrare l'intelligenza artificiale all'uso umano del linguaggio, il diavolo si nasconde nei dettagli. Se il tono di qualcuno è sarcastico, un altro umano lo capirebbe (si spera), ma l'IA prenderà le cose al valore nominale e seguirà uno strano percorso di logica formale e ridicolaggine. Se, durante una conversazione, un umano va brevemente fuori tema, come è naturale, o la conversazione è costellata di doppi sensi, o diciamo che qualcuno parla per metafore: tutti questi canali potrebbero portare l'IA a un malfunzionamento.

A meno che, naturalmente, non sappia distinguere i diversi toni delle parole umane. Il tono può essere informativo, sarcastico, drammatico, umoristico, fattuale, e così via.

È un fatto poco noto, ma le aziende stanno piazzando centinaia e migliaia di tecnici nei centri dati di tutto il mondo, per lavorare sulla precisione semantica dell'intelligenza artificiale. Ogni parola ha una nuvola semantica di possibili significati primari e secondari - si pensi ai molti usi della parola "braccio". Ma ora questo è affascinante: Un tecnico delle nuvole semantiche etichetterà ogni parola con le molteplici sfumature del suo significato. I tecnici delle nuvole semantiche analizzano gli enunciati umani, in modo da mostrare all'intelligenza artificiale come noi umani moduliamo il nostro tono.

Si tratta di un'operazione complessa e su larga scala, in quanto gli sviluppatori puntano a un'intelligenza artificiale in grado di capire davvero come gli esseri umani comunicano, indirettamente, obliquamente, lateralmente, e di navigare senza sforzo nell'arazzo infinitamente fine dell'espressione linguistica umana.

Vogliamo che l'intelligenza artificiale sia integrata, non separata da noi stessi.

I chatbot AI come Meekan o gli assistenti digitali come Siri o Alexa sono addestrati a ignorare tutto ciò che diciamo fino a quando non individuano qualcosa che potrebbe aiutarci. Il motivo per cui dobbiamo dire "Siri, apri Tinder" è che la parola "Siri" funziona come un pulsante "on", per attivare Siri. Lo stesso vale per un'e-mail in cui si potrebbe mettere in cc un assistente digitale di programmazione.

In questo caso, noi esseri umani veniamo addestrati a comandare l'IA; ma l'obiettivo è far sì che l'IA soddisfi le nostre esigenze in modo intuitivo, senza che gli esseri umani debbano imparare a gestirla. L'obiettivo è far sì che l'intelligenza artificiale sia integrata nelle nostre comunicazioni digitali senza soluzione di continuità, in modo utile e conveniente, e per eliminare le sciocche incomprensioni robotiche.

Ma i malintesi sono pre-programmati, se perdonate il gioco di parole. È difficile insegnare all'intelligenza artificiale il buon senso, se non si sa cos'è il buon senso. Nessuno sa cosa sia il buon senso, anche se tutti pensano di saperlo. I filosofi non si sono mai messi d'accordo su un modo solido di definire il buon senso. È impossibile misurare il senso comune. Quindi siamo bloccati per un po' di tempo con una sfida importante per addestrare l'intelligenza artificiale a capire veramente cosa intendono gli esseri umani quando parlano.

Ciò riguarda la seconda grande sfida all'IA menzionata all'inizio, ovvero la comprensione del linguaggio. I due problemi chiave che abbiamo discusso qui sono stati: il linguaggio e la natura distributiva delle applicazioni dell'IA.

Un momento unico nella storia della tecnologia

Sviluppare un programma di intelligenza artificiale in grado di programmare bene le riunioni è una sfida che molti sviluppatori considerano ancora "impossibile". Ma, cosa fondamentale, ci troviamo ora in un momento storico in cui sono soddisfatte le condizioni per la nascita di nuove applicazioni di IA. Secondo il blog wecognize, tre sono le precondizioni chiave:

AI o fantascienza?

Negli ultimi due anni, il business dell'Intelligenza Artificiale si è trasformato in un boom e in una foresta di nuove imprese. I sedicenti "visionari" basano la loro concezione dell'IA sulla fantascienza, il che non corrisponde alla realtà della situazione attuale dell'IA.

E non coincide nemmeno con la direzione che l'IA sta prendendo. La fantascienza ci ha mostrato robot con un'intelligenza artificiale di livello umano, destinati a sconcertare un pubblico ingenuo. Ma questo tipo di ingenuità è svanita, e oggi le persone sono molto più caute, decliniste, post-entusiaste e abituate alla tecnologia e all'innovazione. Non ci sentiamo più stupiti da una storia di robot androidi che si innamorano degli esseri umani. Ma ciò che può davvero stupire alcuni di noi è un'intelligenza artificiale che pianifichi tutte le nostre riunioni con una corretta intuizione.

Articolo correlato

Sign-up sheets

How to

Come creare un Pianificatore di eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
Hand holding an alarm clock

Trending

Gestione del tempo: Una competenza chiave per l'era digitale

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Woman sitting at table and working with tablet and computer

Trending

Come gli strumenti digitali stanno cambiando il panorama lavorativo

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle