Il sogno del lavoro a distanza è finito?

Tempo di lettura: 4 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

Group Video

Una delle conseguenze della pandemia di COVID è stata che una percentuale maggiore di persone ha iniziato a lavorare da casa. Inizialmente è stato per necessità, ma il desiderio di lavorare da remoto è diventato una caratteristica fondamentale del modo in cui si vuole lavorare. In un articolo della CNBC, il 76% dei lavoratori ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l'idea di lasciare il proprio posto di lavoro se il datore di lavoro non rendesse il proprio ruolo permanentemente flessibile in termini di orario e/o luogo.

Probabilmente il desiderio di lavorare da remoto si stava già sviluppando e la pandemia non ha fatto altro che accelerare questo processo. Un sondaggio della società di sondaggi McKinsey ha rilevato che il 40% degli intervistati ritiene che il proprio posto di lavoro sia passato al lavoro da remoto più rapidamente di quanto si pensasse prima della COVID-19.

Tuttavia, tutto questo sta cambiando? I dipendenti sono stati logorati dai dirigenti che chiedono un ritorno almeno parziale alla vita d'ufficio? Oppure l'aumento dei prezzi dell'energia sta facendo dubitare che lavorare da casa valga la pena? Scopriamolo.

**Il desiderio di lavorare da casa

Negli ultimi 20 anni circa, i progressi della tecnologia hanno reso più facile che mai lavorare da remoto. Videoconferenze, software basati su cloud, l'elenco continua. Tuttavia, i tassi di lavoro da casa si sono a malapena spostati. Prima dell'inizio di questo decennio, circa il 17% dei lavoratori statunitensi trascorreva cinque o più giorni lavorando da casa. Questo tasso è balzato a quasi la metà dopo il COVID.

La necessità di lavorare da remoto ha fatto nascere il desiderio di farlo. Diverse indagini condotte negli ultimi anni hanno dimostrato che la flessibilità, in particolare il luogo in cui si lavora, è diventata una parte fondamentale di ciò che le persone cercano in un lavoro.

È comprensibile. Lavorare da casa fa risparmiare denaro, tempo, elimina il pendolarismo e aiuta le persone ad avere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

In questo senso, il sogno del lavoro a distanza è vivo e vegeto, con un numero di aziende che non ha mai smesso di abbracciarlo. Nel 2021, il gigante dello streaming musicale Spotify ha annunciato che i suoi dipendenti possono lavorare da qualsiasi parte del mondo. Nell'agosto del 2022, l'azienda ha rivelato che il tasso di turnover del personale è diminuito fino al 15% grazie a questa politica.

Non è solo Spotify ad aver registrato una maggiore fidelizzazione del personale. Durante le cosiddette Grandi Dimissioni, le aziende che offrivano lavoro a distanza avevano maggiori probabilità di trattenere il personale rispetto a quelle che non lo facevano.

Quindi cosa è cambiato?

La questione si riduce a due cose: i dipendenti vogliono ancora lavorare a distanza e i dirigenti aziendali vogliono ancora permetterlo?

Per quanto riguarda la prima parte, la risposta è ancora ampiamente affermativa. Tuttavia, con l'aumento delle bollette energetiche, alcuni si chiedono se la flessibilità valga il costo.

Un sondaggio del britannico MoneySupermarket ha rilevato che il 14% dei lavoratori remoti britannici sta prendendo in considerazione la possibilità di tornare in ufficio quando le temperature scendono. Non c'è da sorprendersi se si pensa che la bolletta media annua di un cliente a doppio combustibile in Gran Bretagna è destinata a raggiungere le 2.500 sterline entro gennaio 2023 (con un aumento del 141% rispetto all'anno precedente).

Il problema più grande per i lavoratori a distanza è lo scollamento tra i desideri dei dipendenti e le decisioni dei dirigenti.

Numerosi articoli dell'ultimo anno hanno dipinto i dirigenti come se fossero convinti che se non si è in ufficio, non si lavora. Spesso con la retorica dei valori e della cultura. Un esempio è il capo di JP Morgen, Jamie Dimon, che ha affermato che il lavoro a distanza non genera "idee spontanee" ed erode l'equità.

<Una ricerca di Microsoft ha rilevato che, sebbene il 90% delle persone abbia dichiarato di sentirsi produttivo lavorando da casa, l'85% dei capi ritiene che sia difficile essere sicuri che il proprio personale sia effettivamente produttivo come potrebbe esserlo in ufficio.

È tutto finito?

No, ma la risposta non è così semplice. Gran parte del futuro del lavoro a distanza si baserà su due fattori: la rapidità con cui cambierà l'atteggiamento dei dirigenti e il modo in cui i dipendenti lo considereranno una condizione di lavoro fondamentale.

Mentre i modelli di business SaaS e più recenti sono più propensi ad abbracciarlo facilmente, senza restrizioni che ne forzino l'implementazione, è probabile che le organizzazioni di stampo più tradizionale lo trascinino.

Se il desiderio dei dipendenti continua a crescere, la pressione del mercato per trattenere i migliori dipendenti dovrebbe alla fine avere la meglio. Tuttavia, se fattori come i prezzi dell'energia continueranno a giocare un ruolo importante, il desiderio di flessibilità potrebbe perdere terreno rispetto ai costi di mantenimento.

Puoi aumentare la produttività a casa utilizzando la pagina di prenotazione di Doodle. Create la vostra gratuitamente oggi stesso.

Articolo correlato

work-from-home-office

Trending

Abbracciare la flessibilità: La nuova normalità nella cultura del lavoro

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Nice office with desks and working people

Trending

Cultura d'ufficio: Tutto quello che avreste voluto sapere

Leggi l'articolo
Group Video Call

Trending

L'ascesa del luogo di lavoro ibrido: Sfide e soluzioni

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle