State prestando attenzione all'economia dell'attenzione?

Tempo di lettura: 3 minuti

Doodle Logo

Doodle Content Team

Aggiornato: 21 giu 2023

Blue screen with applications on mobile phone

Vai su Facebook per controllare un evento e, venti minuti dopo, sei al settimo video sul prossimo film della Marvel.

Aprite Instagram "solo per controllare qualche video di gatti prima di andare a letto" e il vostro piano originale di fare un dolce sonno di otto ore è ora compromesso. "Anche sei vanno bene", sussurrate a voi stessi.

Anche se non conoscete il concetto dieconomia dell'attenzione, sicuramente ne fate parte: app e piattaforme sono in costante competizione per il nostro tempo e utilizzano tecniche diverse - alcuni direbbero manipolative - per ottenerlo. Come dire: scorrere un po' più in basso, scorrere un altro paio di foto, controllare le notifiche rosse per vedere cosa c'è dietro.

La tecnologia può certamente unirci, ma potrebbe esserci qualcosa di diverso nel modo in cui le piattaforme e le app sono progettate? Alcuni dicono un promettente "sì".

Facebook? È complicato

Molto si può dire di come Facebook, il nostro gigante dei social media, si sia comportato di recente. Sta perdendo il suo appeal a causa di tutte le questioni etiche, politiche e legali che deve affrontare? In termini di nuovi utenti, probabilmente non a livello globale, dal momento che i Paesi con infrastrutture Internet emergenti e veloci stanno contribuendo ad aumentare il numero di utenti di Facebook. Tuttavia, sulla scia degli scandali riguardanti il modo di operare dell'azienda, si sono accesi molti dibattiti e sono decollate campagne come #deleteFacebook.

Mentre alcuni sostengono che cancellare il proprio account Facebook sia una dichiarazione politica piuttosto insignificante, ci sono molte persone che stanno riconsiderando l'uso dei social media in generale, cercando modi meno invadenti e distraenti per rimanere in contatto con la famiglia e gli amici. Sebbene non tutte siano considerate alternative a Facebook, esistono elenchi di piattaforme che mirano - o almeno ci si aspetta che facilitino la socializzazione tra i propri utenti e si differenziano da Facebook in termini di annunci, impostazioni sulla privacy e promesse di non condividere (leggi: vendere) i dati degli utenti con terze parti. Si tratta di app di messaggistica, piattaforme di videoconferenza, calendari e altri tipi di app che, invece di essere progettate per farvi scorrere, hanno l'intenzione di aiutarvi a fare qualcosa. Non è assurdo?

Non fare le cose meglio, fai le cose meglio

Cosa rende etica una piattaforma o un'app? Tristan Harris, ex etico del design di Google e uno dei promotori del movimento Time Well Spent, parla dell'economia dell'attenzione e di cosa significhi per le persone che stanno dietro alle app che usiamo. Harris ci ricorda che il modo in cui funzionano alcune app dei social media è il risultato di scelte progettuali consapevoli da parte delle aziende e che siamo indirizzati (o distratti) da determinate immagini, video o suggerimenti per nessun altro motivo se non quello di massimizzare il tempo trascorso su queste piattaforme.

"Facebook dice di non voler essere l'arbitro della verità, ma è già l'arbitro dei pensieri controllando ciò che viene visualizzato in primo luogo. E sta creando un ambiente totalmente inabitabile per le nostre menti", afferma Harris. Le conseguenze di tali scelte progettuali, secondo Harris] (https://medium.com/thrive-global/its-time-to-redesign-the-attention-economy-f9215a2210be), sono piuttosto allarmanti: "Se non riusciamo a concentrare la nostra attenzione su ciò che ci interessa, non possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Se non riusciamo a mantenere la nostra attenzione sulle questioni che contano nelle nostre città, nei nostri paesi, nelle nostre comunità o nel nostro governo, la nostra democrazia non funziona. Se non riusciamo a mantenere la nostra attenzione abbastanza a lungo da comprendere sfide complesse, le nostre conversazioni su argomenti complessi non funzionano".

Il detto "non basta fare le cose meglio, dobbiamo fare cose migliori" è esattamente ciò che Harris propone e su cui sta lavorando. E se le app fossero progettate per aiutarci a concentrarci su ciò che è importante, invece di distrarci con attività banali?



Cosa c'è dopo? Scorri in basso per vedere

Anche se le aziende tecnologiche non hanno intenzioni malvagie, è semplicemente impossibile che il modo in cui competono tra loro nell'economia dell'attenzione, sempre più in espansione, non ci riguardi. E mentre persone come Tristan Harris stanno lavorando per re-immaginare la città, come dice lui stesso, un'altra forza rimangono gli utenti stessi, che chiedono costantemente trasparenza, responsabilità e maggiore controllo sulle loro app.

Articolo correlato

SUS_Hero

Scheduling

Fogli di iscrizione: Semplificare il coordinamento degli eventi

Scritto da Purnima Kumar

Leggi l'articolo
two people smiling

Scheduling

7 consigli per programmare revisioni delle prestazioni più efficaci

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo
Group Planning

Scheduling

Il modo migliore per programmare il tempo da dedicare al networking

Scritto da Franchesca Tan

Leggi l'articolo

Risolvi il problema della programmazione con Doodle